martedì 18 aprile 2017

Carrot Cake e una fetta d'amore







































"I’m thinking ‘bout how people fall in love in mysterious ways
Maybe it’s all part of a plan
I just keep on making the same mistakes
Hoping that you’ll understand (...)
I’m thinking out loud
That maybe we found love right where we are
...we found love right where we are."
(Ed Sheeran, Thinking Out Loud)


I maledetti pasticceri anglosassoni! Loro lo sanno bene: quel frosting al formaggio, bianco, denso e dolce al punto giusto...è da perderci la testa.
Non è un caso se spesso (tanto spesso!) l'ho preferito per farciture e coperture di varie torte.
C'è chi sarebbe disposto a fermarsi alla superficie per trovare gratificazione e chi addirittura non concepisce una vera carrot cake senza il suo candido lenzuolino. Io la trovo adorabile!!!
Ma oltre all'irresistibile superficie, sotto alla crema dalle mille e più ditate suggerite, dopo lo stordimento da picco glicemico, cosa rimane?
Mi verrebbe da dire che rimane l'amore.
Ognuno è libero di dare all'amore la forma più adatta alle proprie aspettative.
Per quanto mi riguarda l'amore che per molti si mostra così ruffiano e zuccheroso è un'ammaliante strizzatina d'occhio dalla vetrina di una luccicante bakery, aiuta a innalzare l'ipersalivazione e a realizzare che non hai mai voluto altro nella vita così tanto che affondare i denti su quelle morbide calorie. Ma ha la consistenza del burro, che troppo tempo fuori dal frigo comincia a sciogliersi, a colare e gocciolare come neve al sole.
L'amore non dona le ali a chi ne è sprovvisto, non è una deliziosa glassa che rende buona una torta che non lo è. L'amore per me si nasconde in ciò che rimane dopo che ogni glassa è colata via, nella schiettezza di una torta di sostanza, nelle carote che non si perdono nell'impasto ma lo creano senza vergogna, negli amarognoli gherigli di noce che potrebbero scrocchiare sotto i denti e forse rimanerci impigliati, ma in fondo è bello così.
In una torta che è un angolo di pace, come un tramonto sulla spiaggia.
E' passato un anno dalla prima torta di carote. Per me così è solo migliorata.
Ma l'amore a ben guardare è sempre stato lì.


Ingredienti:
  • 300 gr di carote
  • 250 gr di farina
  • 200 gr di zucchero di canna
  • 250 ml di olio di semi
  • 80 gr di noci
  • 3 uova
  • 2 cucchiaini di cannella
  • 1 cucchiaino di zenzero
  • 1/4 di cucchiaino di noce moscata
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1/2 bustina di lievito
  • buccia di un'arancia
  • sale
per la crema al formaggio
  • 200 gr di philadelphia
  • 100 gr di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di succo d'arancia
In una ciotola mescolate le uova con lo zucchero fino a renderle spumose, quindi aggiungete a filo l'olio e continuate a mescolare con la frusta per qualche minuto fino a ottenere un impasto chiaro e ben montato. A questo impasto incorporate tutti gli ingredienti secchi (farina, bicarbonato, lievito, cannella, zenzero, noce moscata e un pizzico di sale) e la buccia grattuggiata di un'arancia. Cercate di incorporare senza smontare, mescolando delicatamente dal basso verso l'alto. Aggiungete le carote ben lavate, pelate e grattuggiate e le noci tritate al coltello. Versate l'impasto in uno stampo da plumcake rivestito di carta forno e cuocete a 180° per 50 min (fate la prova stecchino!)
Quando la cake sarà raffreddata ricoprite la superficie con una crema dolce fatta mescolando il philadelphia, lo zucchero a velo e un paio di cucchiai di succo d'arancia.


5 commenti:

  1. La tentazione di raccogliere con l'indice quella gocciolina di crema caduta sul tavolo è tanta...deve essere proprio buona..carote, noci, formaggio, zucchero...che insieme di cose diverse che le nostre nonne non avrebbero messo insieme

    RispondiElimina
  2. mi hai fatto venire una gran voglia di prepararla!!! Complimenti, è bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Laura della gradita visita e spero di risentirti presto in questa cucina ;)

      Elimina
  3. Cresciuta a carrot cake- con strategie di consumo che partivano dal fondo per tenere per ultimo il frosting.
    Nella foto pero' c'e' l'icing glass o mi sbaglio?
    Grazie per il contributo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so cosa intendi per icing glass, ma se è la glassa base ottenuta dall'unione di zucchero con un liquido, non è questo il caso...il fatto che la copertura di formaggio e zucchero è risultata così lucida e leggermente liquida rispetto a quella classica, è dovuto all'aggiunta del succo di arancia...devo aver esagerato!!! ahahahah
      Grazie mille a te della visita!
      E ora aspetto insegnamenti su frosting e icing glass

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...