lunedì 30 novembre 2015

Una tavola per salutare l'autunno







































Con il giovedì del Thanksgiving e il successivo Black Friday, in USA si apre ufficialmente il periodo delle feste. E, senza scomodare sempre il Nuovo Continente, ieri è stata la prima domenica d'Avvento...e io confesso di non aver resistito e di aver tirato fuori l'albero e le decorazioni natalizie. 
Forse proprio per questo oggi, ultimo giorno di novembre, in un certo senso ha per me il sapore di un saluto all'autunno (anche se manca quasi un mesetto a quello definitivo).

giovedì 26 novembre 2015

(Mississippi) Sweet Potato Pie e "Grazie"







































Era il 1623 quando, ad un paio d'anni dallo sbarco degli sprovveduti Pellegrini, i tapini si accorsero che, forse, i tanto cari semi delle coltivazioni natie sul suolo straniero avevano deciso di non collaborare e non fosse stato per lo spirito caritatevole dei Nativi (che in tutta sta storia non verrà mai ricordato abbastanza!) e l'innocente Tacchino che fino a poco prima se la spassava allegramente becchettando le praterie: 1) dei Pellegrini sarebbe rimasta solo la Pelle, 2) i Nativi e il signor Tacchino starebbero meglio (ma questo, ahimè, è un lungo e inappropriato approfondimento da corredare ad una ricetta) e 3) oggi, dopo quasi 400 anni, oltreoceano non si festeggerebbe il Thanksgiving Day.

giovedì 19 novembre 2015

Insalata di feijoa, mandorle e mirtilli rossi


Riposo sovrapensiero nel mio piccolo soggiorno quando qualcosa di inaspettato e strano mi assale: un forte profumo fruttato, ma pungente e aromatico...sembra...sembra...in effetti non saprei proprio dire a cosa assomiglia. 
E poi capisco! Quei curiosi frutti verdi portati a casa dal lavoro hanno piacevolmente invaso casa. 
Non siamo mai preparati al diverso, è sempre difficile accettarlo e il suo gusto se non fa parte del nostro palato quotidiano, della nostra cultura, abbiamo sempre bisogno di confrontarlo con ciò che invece lo è, ma inevitabilmente risulta sempre la versione peggiore, stiracchiata e farlocca di ciò a cui siamo abituati. L'uomo è di per sè  timoroso di ciò che non gli assomiglia, scettico e titubante ai cambiamenti e si sente confortato e rincuorato dalle strade già battute, dalle vecchie e "sane" abitudini. 

sabato 7 novembre 2015

Zuppa d'orzo, legumi e castagne







































Quando ero piccola non ho mai avuto paura del buio, ma odiavo il freddo e assolutamente non mi piacevano nè i fagioli, nè tanto meno le castagne.
Ora mi infastidisce terribilmente dover accendere le lampadine in casa troppo presto, cosa che per altro evito di fare fino a che ancora persiste un filo di luce naturale fuori, a costo di avvicinarmi di più alle cose cosciente di non essere un gatto. Continuo ad odiare il freddo che, in caso ce ne fosse davvero nella capitale, combatto in casa sotto lanose copertine. Ma ho imparato ad amare i fagioli (tanto da percepire un succulento languorino alla vista della fagiolata in padella di Trinità) e soprattutto le castagne! Quindi ho imparato a gioire dell'autunno, dei suoi colori e dei suoi sapori...fino quasi a compensare la perdita di luce diurna!

giovedì 5 novembre 2015

Torta mele, miele e rosmarino







































Dopo settimane in cui il mio giorno libero è praticamente inesistente, oggi finalmente è arrivato un vero giorno libero. 
E cosa si può fare nel giorno libero, altri impegni permettendo s'intende?
Ci si ama e ci si coccola, sotto una coperta morbida che consoli dai primi freddi e una tazza di tè fra le mani che dilati il tempo, anche se per molti non può essere più di 10 min. 
Ma fosse un po' di più regalatevi una tiepida fettina di torta di mele, che profuma di buono e cose speciali.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...