martedì 22 aprile 2014

Conigli, pom pom e pois colorati







































"Macché! Macché! Non aspettano che me! 
In ritardo sono già! Non mi posso trattener!
[...] È tardi! È tardi, sai? Io son già in mezzo ai guai! 
Neppur posso dirti "ciao"! Ho fretta, ho fretta sai?"

Vi ho lasciato ad un sonnolento viaggio in treno e a un post "post-icipato" a sedute più comode e casalinghe.
Dormire sonni tranquilli con la coscienza serena è cosa buona e giusta quando per una volta si arriva al proprio compito con idee (quasi) chiare e il tempo per poterle realizzare.

sabato 19 aprile 2014

Easter Bunny Bread







































Panificare è ormai diventata per me una bella abitudine settimanale e il lievito madre è il mio piccolo tesoro conservato gelosamente nel suo barattolino in frigorifero. Ovviamente in tutti questi mesi ho cercato di spacciare a destra e sinistra e di iniziare anche i più inesperti a questa meravigliosa arte.
Devo dire che tra colleghe di lavoro, amici e parenti mi sono costruita una discreta rete di panificatori in erba, così inutile dire che, lasciato il mio "pupetto" a riposo, qua a Verona ho ritrovato quello di mia madre.
La ricetta base del mio pane naturale ve l'ho già lasciata, ma visto che il mood di questa Pasqua ho deciso saranno i conigli (e prendetela come un'anteprima sulla mia tavola festosa) ho pensato di regalarvi questi buffi panini-coniglietti, morbidi e profumatissimi.
Vero che se voleste cimentarvi per il pranzo pasquale potreste pensare sia un po' tardino, ma li trovo perfetti anche per un bel pic-nic di pasquetta e per soleggiate scampagnate primaverili...perchè si sa che in compagnia di un piccolo Easter Bunny potreste anche riuscire ad imbattervi in qualche cestino di uova colorate ben nascosto tra l'erba e i cespugli. Se di conigli ne portate tanti chissà...
Buona Pasqua e tanti coniglietti, ovetti e cioccolata a tutti!!!

giovedì 17 aprile 2014

La semplicità di un fiore per una tavola dell'ultimo minuto






































Dopo aver letteralmente fatto il conto alla rovescia per le vacanze, due giorni fa me ne sono fuggita dal lavoro alla velocità della luce, ho infilato in valigia le ultime "indispensabili" cose da portare a Verona (come 10 carciofi romaneschi che hanno occupato buona metà dello spazio), ho dato una "parvenza" di pulito alla casa (giusto per non farmi prendere dallo sconforto al ritorno) e ho sfidato nuvoloni carichi di pioggia per correre in stazione.

domenica 13 aprile 2014

Muffin di mais, miele e nocciole







































E' quasi sera, ma sto tardando sul balcone. Ho appena finito di invasare decine di margherite e comincio a vedere il nuovo piccolo terrazzino diventare più accogliente. 
Tra una innaffiata e l'altra incuriosisco un bel gattone rosso che ha deciso di venirmi a fare un saluto o probabilmente solo un sopraluogo. Penso a cosa ho nel frigo da offrirgli e, nonostante varie sniffatine insistenti, pare non gradire per nulla il formaggio. Viziato! E visto che comunque l'avrei affettato per prepararmi i panini dell'indomani riprovo con del tacchino. Il fine gourmet decide che si può fare. Viziato! 
L'aria tiepida, le giornate più lunghe e le sere più piacevoli, fanno di me una persona migliore e sicuramente più attiva (pur senza esagerare!). Anche le colazioni della domenica mattina ne hanno decisamente beneficio: miele e leggero profumo di cannella, granulosità del mais e delle nocciole, una bella spremuta nel bicchiere.
Oggi sarà una buonissima giornata!

domenica 6 aprile 2014

Grissini di riso e ceci e la fioritura dei ciliegi







































Esiste un breve periodo dell'anno, solitamente tra fine marzo e i primi d'aprile, in cui chiunque abbia la fortuna di avere degli alberi da frutto e tra questi dei ciliegi, può bearsi dello spettacolo che produce la loro fioritura. 
La mia nonna paterna, nata e cresciuta in un paesino dell'est veronese collocato proprio nella cosidetta valle dei ciliegi lo sa bene. Ma sono in pochi ad avere invece la fortuna di poter visitare il Giappone, paese che fa della fioritura dei ciliegi un vero vanto nazionale e occasione di festa, proprio nel momento in cui i sakura, così si chiamano, giungono al massimo della loro bellezza. Inutile dire quanto questo sia un altro mio piccolo (mica tanto!) sogno insieme a quello dell'Irlanda e dei campi di lavanda in Provenza.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...