martedì 27 agosto 2013

Mini pancakes integrali con frutta







































Dopo due giorni in giro per la ventosissima San Francisco su e giu per strade con pendenze assolutamente sconfortanti per i miei poveri polpacci, stamattina ho girovagato per negozi con un caffettone "sbobba" nella speranza di assumere un fare vagamente autoctono (consapevole che tanto basta aprire bocca per venire miseramente smascherata!)
In attesa di imbarcarmi per l'ultima tappa nella Grande Mela prima del ritorno alla madre patria (e ahimè anche al lavoro sob) penso che le colazioni abbondanti di wueste settimane probabilmente mi mancheranno un po': tanti waffle, marmellate, bagle e sciroppi, cannella ovunque...ma pochi pancake. La veritá è che finora negli hotel dove ho dormito al massimo ho provato pancakes prodotti in serie da una inquietante macchina sputa-pancake...e tutto sommato ho pensato che i miei pancake non erano tanto male.
Quindi con il beneficio del dubbio nei confronti delle bakery newyorkesi, dopo la prima ricetta dei pancake, vi lascio questa seconda versione con un mix di farine e la freschezza della frutta.

venerdì 23 agosto 2013

Stecchi gelato allo yogurt e frutta







































Dopo California e Arizona il mio viaggio è continuato tra i Canyon dello Utah e passando dal Nevada è tornato in California. Un girotondo tra le riserve Navajo, terre rosse e polverosi deserti in cui ti aspetti da un momento all'altro di vedere passare un cowboy a cavallo o sorvolare in cielo un paio di condor. A completare il cliche le temperature cocenti che hanno toccato il loro apice nel mezzo della Death Valley (mai nome fu più azzeccato!)
Dopo ore di viaggio notare come nel posto più basso d'America ci siano temperature così alte ha qualcosa di vagamente ironico e riflettere sul fatto che il mio corpo sperimentava per la prima volta i 50 (e più) gradi, ad un certo punto mi ha fatto solo pensare a quanto mi sarei mangiata volentieri una bella granita o un fresco gelato...poveracci sti americani che di gelati ne sanno così poco...eppure con questo caldo ci sarebbe stato proprio bene!

venerdì 16 agosto 2013

Gelo di anguria (Gelu 'i muluni) e il ferragosto italiano







































Mi trovo in Arizona da qualche giorno e dal finestrino dell'auto a noleggio, nei numerosi chilometri che vanno da Phoenix al Grand Canyon, il paesaggio è cambiato, a volte a distanza di qualche ora, in modo impressionante...per non parlare delle escursioni termiche: deserto e cactus, boschi di conifere, praterie sterminate, 45 gradi all'ombra, 18 con pioggia, meno 45 degli autobus (assurda passione americana per i pinguini!!!)
Poi affacciata sul "cratere" e pensando che è sicuramente un gran bel modo per passare il ferragosto...realizzo che è ferragosto!
Qua ferragosto lo è ancora e ridacchio al pensiero delle grigliate del 15, così poco americane, a meno che non ci si affoghi nella salsa barbeque...sicuramente in tante case italiane non sarà poi mancata una fetta di cocomero bello fresco (sostituto italiano a ghiaccio e pinguini).
In questa ricetta ho provato un'alternativa alla solita fetta, un dessert dai colori mediterranei che in Sicilia aromatizzano in vario modo a seconda del posto e che spesso preparano proprio per il ferragosto.
Non sono in Sicilia e nemmeno in Italia, ma destando curiosità spesso ci viene chiesta la provenienza e un sorrisino accompagnato da un divertito "aaahhh" mi ricorda quanto probabilmente siamo riconoscibili all'estero...penso che alla fine sia vero perchè solo un gruppo di italiani in mancanza delle grigliate di ferragosto avrebbe potuto trovarsi a riunire due tavoli tra due stanze comunicanti d'albergo per mangiare pollo arrosto chiacchierando dalla porta. Buon Ferragosto!

lunedì 12 agosto 2013

Pane ripieno con caprese di bufala







































L'ho fatto ancora...sono partita senza preavviso. Almeno senza preavviso per il blog, ma stavolta era da un anno che sapevo di questo viaggio.
Un paio d'aerei, 12 ore, un oceano alle spalle e da 2 giorni mi trovo in California!
Non ancora in pace con il fuso orario nè con l'ossessione americana del fuori misura (dalle auto a quelle delle porzioni a tavola) mi stupisco di un milione di cose e ne fotografo almeno il doppio...ma una cosa è certa: togliendo i dolci, con la cucina americana non vado molto d'accordo. Così alla seconda cena a base di hamburger e patate fritte rispondo con una zuppa messicana (Dio benedica i messicani!) e penso sconsolata alla nostra cucina e al mio povero lievito in attesa del mio ritorno.
Incastrata tra il ballatoio e l'ascensore, che per ora pare avere la connessione migliore, vi mando un pezzetto dei miei pensieri culinari e dopo il primo pane a lievitazione naturale, questo è uno degli ultimi impasti. Tra Sunset Boulevard troppo affollata e ville di Beverly, troppo basse per filari di palme troppo alte, faccio pratica di waffles e fajitas aspettando un saluto all'oceano e a Los Angeles per una nuova tappa

martedì 6 agosto 2013

Timballo freddo di riso e olive e le cene d'estate







































Mattine pigre di sveglie tarde, di mamma che innaffia le piante in balcone, di bagni di sole, di mazzetti di erbe aromatiche a seccare in cucina. L'estate a Verona per me ha necessariamente bisogno delle cene sotto il gazebo in giardino, quando per affrontare i piedi nell'erba bisogna armarsi di spray anti-zanzare, quando ognuno porta una sedia e un pezzo di cena, quando il dopocena è una lunga chiacchiera alla luce delle lampade ad olio e candele alla citronella. 
Se non fosse per il caldo, insopportabile in questi giorni, che fa passare pure la voglia di organizzarsi con nonni e zii, penso che avrei proprio voglia di una seratina così. 
E penso che questo sarebbe uno di quei piatti (se non si va direttamente di pizza al taglio per tutti!) che starebbe meravigliosamente: gusto fresco, estivo come solo il pomodoro sa essere e profumato di aromi appena raccolti. So anche chi lo porterebbe in tavola...uno dei piatti che più mi ricordano mia zia, che ringrazio per questa "eredità culinaria" semplice ma tanto buona!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...